096553922 cisme@cisme.it
iten

Portale dei Giovani

Nestlé lancia in Europa il progetto Youth Employment

Con il progetto “Nestlé needs YOUth” si impegna a creare 20.000 nuove posizioni professionali per giovani di tutta Europa nei prossimi tre anni.

In Italia pronte oltre 1.000 opportunità a partire dal 2014.

Nestlé si impegna a creare 20.000 opportunità per i giovani in Europa nei prossimi 3 anni. L’iniziativa Nestlé needs YOUth, offrirà 10.000 opportunità di apprendistato e stage e 10.000 posizioni professionali ai giovani al di sotto dei 30 anni, provenienti da tutti i Paesi europei, entro il 2016.

“Oggi, in Europa, un giovane su quattro è senza un impiego”, con queste parole ha esordito Laurent Freixe, Executive Vice-President di Nestlé e Zone Director Europa, illustrando il progetto Nestlé needs YOUth nell’ambito dell’evento di lancio tenutosi ad Atene, capitale del Paese in cui oltre la metà dei giovani sotto i 25 anni è attualmente disoccupato.

Crescere in Europa

“Pensate a quale sarebbe l’impatto sulla nostra società se abbandonassimo questi giovani ai margini, lasciandoli senza una fonte di reddito, senza futuro, senza speranza.”

Mentre continuiamo a crescere e a investire in Europa” – ha aggiunto Freixe – “intendiamo fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per rafforzare e sviluppare le competenze di questi ragazzi, rendendoli più interessanti per le aziende, a prescindere dal loro livello di formazione. Il progetto – il primo nel suo genere sviluppato su così vasta scala – nasce dall’impegno assunto dalla società di continuare a investire in Europa anche durante la crisi economica”.

Il Commissario Europeo per l’Istruzione, Androulla Vassiliou, considera il progetto Nestlé needs YOUth un esempio di come il settore privato può contribuire alla ripresa dell’Europa.

“Sono entusiasta che Nestlé abbia lanciato questa iniziativa per rinforzare e sviluppare le opportunità di lavoro per i giovani in tutta Europa, dando così un contributo ai nostri sforzi affinché i giovani non siano lasciati senza speranza o occasioni” ha dichiarato Vassiliou.

“20’000 giovani avranno la possibilità di entrare nel mercato del lavoro; ciò dimostra che il settore privato può chiaramente fare la differenza nell’affrontare il problema della disoccupazione. Ci aspettiamo che azioni di questo tipo inneschino iniziative simili da parte di altri stakeholder” ha aggiunto Androulla Vassiliou.

Tutti i Paesi contribuiranno al raggiungimento dell’obiettivo. A titolo di esempio, nei prossimi tre anni, Nestlé creerà nuove posizioni professionali per circa 3.000 giovani in Francia, 2.420 in Germania, 1.250 in Spagna e oltre 1.000 in Italia nel triennio 2014-2016, sia attraverso assunzioni dirette sia con posizioni di stage e tirocinio.

“Nonostante il periodo di difficoltà che sta attraversando l’Italia, dove la ripresa dell’occupazione giovanile rappresenta una priorità urgentissima, anche noi vogliamo dare il nostro contributo al progetto Europeo. L’impegno di Nestlé in Italia, a partire dal 2014, è di offrire ai giovani sotto i 30 anni oltre 1.000 opportunità in 3 anni, equamente divise fra apprenticeship (tirocini/stage) e contratti a tempo determinato e indeterminato.” E’ quanto ha affermato Leo Wencel, Capo Mercato Gruppo Nestlé in Italia, presentando questa mattina presso il CNEL di Roma il progetto Nestlé needs YOUth e l’impegno che il Gruppo si è assunto nel mercato italiano.

“Crediamo sia dovere di una grande azienda assumersi impegni, anche sfidanti, per contribuire alla soluzione di un problema che riguarda la società che la ospita e che non può essere demandato solo alle Istituzioni” Ha concluso Wencel.

“Il piano presentato oggi – ha aggiunto Giacomo Piantoni, Direttore Risorse Umane del Gruppo Nestlé in Italia – ha lo scopo prioritario di rafforzare le competenze dei giovani per facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro. Il piano infatti è molto articolato e ci vedrà impegnati in moltissime attività in tutte le fasi di quel percorso che parte dall’orientamento, alla employability, all’offerta di tirocini, stage e apprendistato, fino ad un inserimento in azienda, compatibilmente con le opportunità che si creeranno nei nostri diversi business.”

Progetto Giovani

PRIMO PASSO: L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire l’employability di 20.000 giovani in Europa

Le opportunità di lavoro

Le opportunità di inserimento riguarderanno tutti i settori di business, offrendo un’ampia varietà di possibilità per chi sia interessato alle posizioni professionali disponibili in Nestlé: sono coinvolti il settore produttivo, amministrativo, le risorse umane, le vendite, il marketing, il settore finanziario, tecnico e i dipartimenti di ricerca e sviluppo.

Come parte integrante del progetto, è inoltre previsto un selezionato gruppo di posizioni specificamente pensate per offrire ai giovani dell’Europa meridionale, l’area più colpita dal fenomeno, la possibilità di vivere preziose esperienze lavorative all’estero – in Svizzera, Francia, Germania, Austria, Paesi Nordici e Regno Unito.

In più, per avvicinare la scuola al mondo del lavoro, sarà previsto all’interno del progetto un programma di preparazione al lavoro (Readiness for Work), che includerà orientamento professionale, workshop dedicati alla stesura del CV e preparazione al colloquio di lavoro presso scuole, istituti di formazione e strutture Nestlé.

Nestlé incoraggerà poi i suoi 63.000 fornitori europei a prendere parte al progetto Nestlé needs YOUth offrendo opportunità di lavoro, tirocinio e stage ai giovani – un programma chiamato Alliance for Youth.

“Nestlé ha successo a livello globale anche grazie al successo che ottiene in Europa” ha spiegato Freixe. “Questo progetto punta a valorizzare il dinamismo di questi giovani, così che possano guardare con fiducia a un futuro migliore.”

Maggiori informazioni